Chips & Salsa

articoli e appunti da franco carlini

  • fc

parole / C’è un Codec nel mio iPod

Posted by franco carlini su 15 giugno, 2006

di  Sarah Tobias

Ma che differenza c’è tra streaming, download e podcasting? E cosa è un Codec? Chi abbia a che fare con i suoni e la voce digitale spesso incontra queste parole.
Lo streaming è il flusso di dati multimediali da un sito internet al nostro personal computer. Lo si può vedere o ascoltare, in diretta (per esempio mentre è in corso la trasmissione), ma anche in differita. Salvo usare particolari software (peraltro leciti) un tale flusso di bit non può essere «salvato» sul proprio computer, né si può trasferirlo dal Pc a un lettore portatile. Per esempio, prima della introduzione del podcasting, molti programmi radiofonici erano già disponibili sul sito della Rai, ma solo in streaming, con tecnologia Real Audio.
Altri siti invece permettono il download, ovvero lo scaricare un file dal sito sul proprio computer, per vederlo e/o ascoltarlo successivament, quando più ci farà comodo. Se esso non contiene particolari trucchi che lo impediscano, il file così prelevato può essere spostato su altri computer, messo su un Cd o su in lettore portatile, tipo iPod, Creative o altri. Il termine download peraltro non si riferisce solo ai prodotti multimediali: anche il prelievo di una file di testo da un sito, o la richiesta di una pagina web sono download.
Il podcasting è una forma di download particolarmente predisposta per lo scaricamento automatico: ci si abbona (di solito gratis) a un certo sito e i nuovi materiali sonori verranno inviati automaticamente sul proprio computer, via via che siano disponibili, in una sorta di servizio espresso che evita all’utente la “fatica” di dover di volta in volta andare a cercare il contenuto desiderato.
Il termine Codec, infine, si riferisce alle operazioni di Codifica e Decodifica dei file, per renderli più compatti e forzarli in un particolare formato. I formati audio più diffusi sono Mp3, Wav e WMA (usati da Microsoft), AIFF (di Apple), RM (o RAM) di Real Networks. La bontà delle registrazioni dipende sia dalle tecniche di compressione usate (alcune sono migliori di altre) che dal campionamento effettuato, il cosiddetto bit rate.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: