Chips & Salsa

articoli e appunti da franco carlini

  • fc

Giornali senza giornalisti

Posted by franco carlini su 26 aprile, 2007

editoriale

 

Franco Carlini

Dunque anche MySpace, il grande portale «sociale», ha cominciato offre un servizio di notizie automatiche, come Google News. L’espediente tecnico è abbastanza semplice: il software pesca nella rete le ultime notizie, tra molte fonti giornalistiche, le classifica per categoria e le ripropone pari pari sul sito, con il debito link. Il vantaggio è di aggregare in un unico luogo migliaia di notizie, senza utilizzare nemmeno un giornalista, dato che fa tutto il computer. Il valore giornalistico non c’è, ma semmai resta a monte, nelle testate di partenza. In questo caso la rete viene usata solo come una condotta trasmissiva con cui accorpare e insieme diffondere materiali nati prevalentemente per la carta. Efficiente, ma senz’anima, perché discende dallo stile della testata, fatta di scelte editoriali e di tradizione. Roberto Briglia, direttore dei periodici Mondadori, nei giorni scorsi, lo ha detto con chiarezza ai suoi giornalisti: «più che i contenuti conta il brand». Vale per Grazia come per il manifesto.
Tuttavia il modello di Google News senza dubbio dovrebbe piacere alla parte più sciocca degli editori italiani: nessun giornalista, solo software; nessuna assenza per malattia, per maternità, per ferie. Soprattutto nessuno sciopero. Lunedì scorso, convocati dal ministro del lavoro Damiano, gli editori italici hanno negato persino la possibilità di stendere un calendario di incontri con giornalisti, dopo un’assenza di contratto che dura da 787 giorni. La speranza era che dopo lo sciopero durissimo della Repubblica, conclusosi con l’avvio di rapporti editore-sindacato più decenti, anche l’ineffabile ambasciatore che porta pena, Boris Biancheri, presidente della Fieg, aprisse qualche spiraglio. Così non è stato.
Parliamo di testate che quotidianamente inneggiano al libero mercato: tutte scatenate nel chiedere al governo di tenere le mani lontane da Telecom, dalle autostrade, di andarsene pure dalle ferrovie, possibilmente di privatizzare la Rai. Se il sottosegretario con delega per l’editoria, Ricardo Franco Levi, volesse prenderli sul serio dovrebbe varare una riforma dell’editoria dove agli editori privati non vada alcun aiuto di stato. Il nostro consiglio è che lo faccia.

Annunci

Una Risposta to “Giornali senza giornalisti”

  1. LorenZo said

    Io non sono un giornalista. E non vivo neppure in italia da molti anni quindi non ho una visione chiarissima del problema dei giornalisti nella penisola. Pero’ la questione del rischio di sparizione dei giornali di carta a vantaggio delle “internet news” esiste ovunque nel mondo. Anche in una Londra sommersa di quotidiani gratuiti che ti vengono proposti insistentemente a ogni fermata della metropolitana, in ogni zona affollata, a ogni ora. E che poi ritrovi ammassati nei vagoni dei treni e a volte si infilano tra la catena della bici e l’ingranaggio del cambio e quasi cadi. per quei pazzi che vanno in bici…

    Ma sto divagando.

    Un’idea pero’ mi sento di esprimerla. E’ vero che i giornali subiscono la concorrenza di internet, ma perche’ i giornalisti e gli editori non si occupano di dare un’informazione migliore oltre che a preoccuparsi delle vendite? Questo potrebbe aiutare i loro successo e forse anche il loro amor proprio.
    Come mai cosi’ tanta attenzione a fenomeni effimeri? Gossip, cronaca nera in abbondanza e senza coerenza, incidenti in ordine sparso affollano i giornali. Pochissimi approfondimenti, spesso poca indipendenza e pochissimo coraggio. Latita la buona scrittura (e quella si che farebbe comodo a noi lettori!). Errori tipografici e spesso grammaticali, articoli figli della fretta o superficiali… cosi’ si subisce la concorrenza di internet, piu’ veloce, facile, multimediale.
    Forse puntare sulla Qualita’ aiuterebbe. (si si lo so che c’e’ chi lo fa’)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: